NEWS - 10/09/2019

Tecnologia ed oggetti parlanti: il progetto Simplehero

La consapevolezza delle nostre azioni è il primo passo verso il cambiamento, e la tecnologia, in questo, può aiutarci.


Industria ed ecologia: due poli che possono trovare punti d’incontro, come la tecnologia. Questa può offrire infatti - e offre già - contributi non indifferenti nella gestione dell’ambiente. Si pensi solo ai dispositivi digitali che costituiscono alternative all’utilizzo e allo spreco di carta, o ai sensori che permettono un maggior controllo e prevenzione dei guasti, o ancora alla tecnologia NFC che permette di tracciare i prodotti e monitorare i servizi ambientali.

Abbiamo quindi deciso di supportare ed implementare in questo senso il progetto Simplehero, sfruttando la nostra competenza nel settore.

Simplehero rappresenta un messaggio forte e chiaro, alle aziende come ai singoli, che consiste nella diffusione di bottigliette riutilizzabili in Tritan, materiale resistente ed ecologico in quanto riciclabile e privo di Bisfenolo A, molecola dannosa per ambiente e organismo. Queste “Simplehero” costituiscono un impegno e soprattutto un’abitudine che tutti dovremmo - e dovremo - adottare. Pensiamo infatti che il riutilizzo sia essenziale, e diffondere una corretta abitudine sia doveroso.

Grazie all’inserimento di un tag NFC nel tappo, possiamo oggi offrire un’esperienza più completa e consapevole ad ogni cliente che deciderà di adottare la Simplehero. Abbiamo già parlato di connessioni e condivisioni di informazioni tramite questo tipo di tecnologia, e crediamo si sposi perfettamente con il progetto. Le bottigliette sono ora “parlanti” e possono comunicarci quanti refill abbiamo effettuato e quanta plastica abbiamo risparmiato scegliendo il riutilizzo.

Pensiamo che la tecnologia a servizio del pianeta, come in questo caso, possa fare grandi cose, un passo alla volta. Essere consapevoli di quello che facciamo e della conseguenza che hanno le nostre azioni è un inizio che può davvero portare al cambiamento.

Per sapere di più sul progetto Simplehero potete visitare il sito dedicato e i social network Facebook, Instagram e Linkedin.